Edizioni precedenti – Commenti a caldo

Apriamo lo spazio ai report/commenti sulla due giorni, se ne avete li potete inviare alla email infestazione@mortemale.org.

In attesa di rivederci il prossimo anno 

Due conti e due parole.
Alla veloce… qui inizia una nuova settimana di iniziative!

Si è conclusa “l’Infestazione Hardcore” a Collegno, nella splendida cornice che è il Parco della Certosa.

Gente da tutta Italia, a suonare, a portar la distro o semplicemente ad assistere ai dodici gruppi spalmati tra venerdì e sabato.
Dodici perchè in due han tirato pacco (ma grazie lo stesso a uno di loro per essere passato con la distro). Ricordatevi però che il lavoro fa male, uccide e annichilisce l’individuo. Cercate di limitarne l’uso o sarete usurati.

Un particolare ringraziamento ai Ken Park per averci ricordato Ivano e Bruno, incarcerati per un fumogeno nei lager Francesi, grazie agli Etro per aver fatto copie dei loro testi da distribuire ai sudati e marci punk sotto al palco, quando un gruppo ha qualcosa da dire le parole urlate da un microfono non bastano più e serve la carta stampata!
Grazie agli Hobophobic per essere ritornati in piemonte a farci compagnia, attraversando la penisola, bravi come sempre, ci si rivede al Rozz Fest ad Agosto in territorio Pugliese.

E per concludere un enorme abbraccio all’ultimo gruppo di sabato, agli amici e compagni de “La Tormenta”.

Grazie per un “Favola di Topi”, per averci ricordato che

La musica è solo uno strumento, nulla di più.
Solo un pretesto per essere vicino a voi. Siate forti.


E che radio blackout è come la musica.

E’ solo uno strumento per raggiungere i nostri desideri.
Non un hobby, uno sfizio o un fine.
Ma uno strumento.

Uno strumento che funziona!

Grazie al Mezcal Squat.

Due anni di pura gioia in mezzo al parco.

Un abbraccio a tutti gli occupanti della casa e ai solidali da tutte le altre case occupate torinesi e non accorsi per contribuire con le proprie energie all’iniziativa.

Ci vediamo ai primi di agosto per il compleanno della casa!

Grazie all’INfestaZIONE HARDCORE e a rivederci al prossimo anno.

La passione è più forte di ogni stipendio.

Presto le foto, per ora mi sembrava d’obbligo ricordare il testo di due striscioni nella situazione:

FUOCO AI CPT (e la Francia ci insegna che non è solo un motto)

LO STATO UCCIDE CHI NON DOMA

un perditempo aka Pino  

P.S.
Ma dove era la “fantomatica scena torinese”? Dalla partecipazione sembra sia stata spazzata via da un morbo virale!

 


Da Le Tormenta

La cosa che più mi ha colpito è stato il Mezcal… incredibile quello
che i ragazzi del posto hanno creato! Un ex ospedale psichiatrico, un
lager per uomini, trasformato in un luogo di aggregzione fuori dal
comune. Quando un posto è estremamente importante per la vita sociale
di un gruppo di persone lo si vede trasudare da ogni pietra, da ogni
scritta, da ogni colore sul muro. Un’esperienza che merita tutto il
nostro appoggio incondizionato! lunghissima vita al Mezcal! …il
concerto? magnifico! tra amici lontani e vicini! (un abbraccio immenso
ai nostri cari Hobophobic!)… "dedichiamo questa canzone a Pino e
Soalex!"…

Paolo 

Le foto dei Le Tormenta all’infestazione hardcore le trovate a questo link 

This entry was posted in EDIZIONI PRECEDENTI, GRUPPI, INFESTAZIONE HARDCORE and tagged , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *